LEGAMI

4ba1b96fd712eac9499cff2257d9ae2f

Abbiamo liste e scale di priorità. Abbiamo rapporti che sopravvivono per inerzia e altri per cui lottiamo. Persone per cui butteremo volentieri al vento agenda, liste e priorità, e persone con cui quelle liste e quelle priorità, e quegli “altri impegni” li usiamo come alibi, per non uscire, non rivedersi, non arrendersi a ciò che ormai è evidente a tutti.
Ci sono legami che sfidano il tempo, la lontananza e i cambiamenti, e riescono a rimanere comunque vivi, brillanti come l’argenteria lucidata di fresco. E ci sono legami che sfidano, e perdono. Che ci provano a rimanere smaglianti ma non ci riescono.
I rapporti umani sono come delle piante, hanno bisogno di essere innaffiati adeguatamente, ognuno con la sua frequenza, e di trovarsi sotto una giusta luce; ci vuole accortezza, ci vuole cura, o non rimarrà che uno stelo rachitico. E poi ci sono quelli davvero speciali certo, che come piante grasse rimangono lì, perfetti, nonostante tutto.
A volte è solo pigrizia, altre è vera e propria mala fede, fatto sta che nonostante gli sforzi, flebili o energici che siano, i rapporti appassiscono e poi marciscono nell’incuria generale, e arrivati a quel punto, che senso ha conservare un vaso vuoto, inutile e triste spoglia di quello che è stato? O bisogna sperare che la pianta germogli nuovamente? E perché dovrebbe farlo, da sola poi?

Probabilmente c’è un limite naturale oltre il quale è ingenuo pensare che le cose possano tornare com’erano, o forse semplicemente non devono. È naturale che le persone crescano e cambino, e sarebbe stupido non ammettere l’esistenza di un cambiamento quando c’è ed è normale che ci sia. Il punto è che i rapporti dovrebbero evolversi, riuscire a tenere il passo, riassestarsi costantemente sui cambiamenti individuali delle persone che ne fanno parte. Riuscirci significa apportare nuova linfa ad un legame che può così diventare sempre più profondo. Non riuscirci, significa lasciarlo morire.
È una questione di scelte, e le persone si possono misurare dalle scelte che fanno, quindi forse è solo questione d’incompatibilità e finiscono per esaurirsi solo quei rapporti che erano destinati a farlo.

a6fa667c8bdef4de8e473e2a9c9a45b7 2a2e8818a26af7c1ab450b501a97217d

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...